Dietro la curva!

UE CPI

Il tasso di inflazione armonizzato nell’UE dovrebbe scendere dal 5,0%al 4,4%YoY. Qualsiasi sorpresa al rialzo eserciterà una maggiore pressione sulla BCE.

02.02

BCE, BoE

Mentre non si prevedono sorprese dalla BoE, che dovrebbe continuare il suo ciclo di rialzo, vi sono dubbi che la BCE possa suggerire politiche meno ac comodanti in futuro.

03.02

US PAYROLLS

Le aspettative sono per un dato molto basso.Qualsiasi miglioramento significativo dei dati eserciterà ulteriore pressione sulla Fed per aumentare i tassi.

04.02

US CPI

Sia l’inflazione primaria che quella core dovrebbero aumentare ulteriormente, raggiungendo rispettivamente il 7,3% e il 5,9%su base annua.

10.02

  • L’aumento dell’inflazione e le crescenti pressioni politiche portano la FED ad assumere una posizione più aggressiva del previsto;
  • La Fed è tra «incudine e martello», in quanto potrebbe essere costretta ad aumentare i tassi anche se l’economia potrebbe essere sull’orlo di un
    rallentamento;
  • Il mercato, invece, rimane scettico sul fatto che la Federal Reserve attuerà effettivamente tutte le misure restrittive a cui ha accennato.

Solo pochi mesi fa, Powell e i suoi colleghi avevano previsto che l’inflazione sarebbe stata temporanea e si sarebbe ridotta rapidamente. Mercoledì scorso, la valutazione della Fed sui rischi inflazionistici è cambiata drasticamente.

Molto probabilmente le crescenti pressioni politiche per tenere sotto controllo l’inflazione hanno giocato un ruolo in un cambiamento di rotta così notevole. La questione dell’inflazione è stata sollevata da Powell durante le ultime audizioni del Congresso, nonché dal presidente Biden, che ha recentemente dichiarato alla stampa che la Fed ha il mandato e la responsabilità di mantenere la stabilità dei prezzi.

L’introduzione nella dichiarazione ufficiale che affermava che «la Federal Reserve si impegna ad utilizzare l’intera gamma di strumenti per supportare l’economia statunitense in questo momento difficile» è stata rimossa, il che implica che non siamo più in un «momento difficile».

I tassi sarebbero dovuti rimanere invariati a dicembre «fino a quando le condizioni del mercato del lavoro non avranno raggiunto livelli coerenti con le valutazioni del Comitato sull’occupazione massima», mentre a gennaio si è regist rato un «mercato del lavoro forte».

La frase di dicembre «con inflazione che supera da tempo il 2%»è stata sostituita da «con inflazione ben al di sopra del 2%». Durante la conferenza stampa, pur affermando che «ci si aspetta che l’inflazione diminuisca nel corso dell’anno», Powell ha anche affermato che «i rischi di inflazione sono ancora al rialzo» e si è impegnato a fare in modo che «la Fed utilizzerà strumenti per prevenire un aumento dell’inflazione persistente» e che non «esclude l’aumento dei tassi ad ogni riunione del FOMC» a marzo al più presto.

Ha anche aggiunto che la Fed ha molto spazio per aumentare i tassi di interesse senza danneggiare il mercato del lavoro e che il modo migliore per promuovere la crescita e un mercato del lavoro forte è tenere sotto controllo l’inflazione.

Infine, pur riconoscendo che «il bilancio della Fed è molto più ampio di quanto dovrebbe essere», Powell ha affermato che i membri del FOMC non hanno ancora deciso come e quando il bilancio sarà ridotto, ma ha aggiunto che il ritmo della riduzione potrebbe essere più veloce rispetto a occasioni precedenti e che probabilmente lo faranno tramite il deflusso del debito in scadenza.

Parlando del futuro percorso di aumenti del tasso di interesse e di riduzione del bilancio, Powell ha riaffermato che la Fed dipenderà dai dati. Purtroppo non è stato così negli ultimi anni, compreso il periodo post-pandemia, poiché se la Fed avesse seguito un approccio «sistematico» di regolazione dei tassi, avrebbe dovuto già aumentarli più volte nei mesi passati.

Come ha correttamente scritto John P. Hussmann in un articolo di FT, «’Sistematico’, in questo contesto, significa un quadro in cui strumenti politici come il livello del tasso sui fondi federali mantengono una relazione ragionevolmente stabile e prevedibile con dati economici osservabili come l’inflazione, occupazione e ‘output gap’ tra il prodotto interno lordo reale e il suo potenziale di piena occupazione stimato.

La politica sistematica consente agli individui e ai mercati finanziari di anticipare l’orientamento generale della politica monetaria sulla base di dati osservabili».

Fonte: John P. Hussmann, Financial Times

Se la Fed avesse seguito questo approccio «sistematico», come seguire le indicazioni per le variabili non monetarie o la regola di Taylor (che alcuni economisti ritengono non essere più un indicatore affidabile), i tassi di interesse sarebbero già stati più alti.

Ciò avrebbe potuto impedire all’inflazione di salire così tanto e consentire ai tassi di aumentare quando l’economia era più forte. Il rischio per la Fed in questo momento è che sarà comunque costretta ad aumentare i tassi per combattere l’inflazione, indipendentemente dalla forza dell’economia e dalle ricadute economiche di tali interventi.

I mercati azionari, che stavano cercando di riprendersi dal minimo del 24 gennaio, sono stati colti di sorpresa dall’atteggiamento aggressivo della Fed, ma dopo l’immediata reazione negativa, gli indici azionari hanno iniziato a riprendersi.

Ciò potrebbe essere spiegato dal fatto che mentre gli operatori di mercato hanno riconosciuto la determinazione della Fed di aumentare i tassi (le misure di mercato suggeriscono che 5 aumenti sono ora prezzati per il 2022), i tassi a lungo termine che hanno il maggiore impatto sulle valutazioni azionarie, sono rimasti stabili perché l’opinione del mercato è che l’aumento della Fed provocherà un rallentamento o una recessione che a sua volta costringerà la Fed ad invertire nuovamente la rotta.

Il mercato considera anche irrealistico un aumento prolungato dei tassi poiché la Federal Reserve ha raramente alzato i tassi quando il mercato azionario era più del 10% in meno rispetto ai massimi di 52 settimane, come mostrato dal grafico sottostante.

Fonte:Bloomberg, Azimut elaborations

Vale la pena notare che dal 1990 la Fed ha aumentato i tassi solo una volta quando l’S&P500 era inferiore di oltre il 10% ai massimi di 52 settimane. Con l’S&P500 già vicino al -10% a fine gennaio, gli operatori di mercato erano scettici sulla possibilità di una serie estesa di rialzi dei tassi.

Il quadro è alquanto diverso se si estende il periodo di osservazione anche agli anni ’70, caratterizzati da un’inflazione in aumento rispetto a livelli già elevati. Inoltre, negli anni precedenti al 1990, la nozione di «put della Fed» non era ancora stata stabilita, poiché l’aspettativa comune che la Fed interverrà e sosterrà i mercati azionari ogni volta che una correzione inizierà a manifestarsi è iniziata con Greenspan dopo il 1987 e più evidentemente durante primi anni ’90.

L’andamento del mercato azionario nel medio termine sarà quindi determinato da chi ha ragione sull’andamento futuro dei tassi di interesse. Se la Fed avrà ragione e fornirà tutti gli aumenti dei tassi di interesse a breve termine a cui ha accennato, riducendo anche significativamente il suo bilancio, allora potrebbero verificarsi nuove correzioni durante il resto dell’anno.

Se, d’altra parte, il mercato è corretto e l’inflazione scenderà rapidamente e l’economia rallenterà abbastanza da costringere la Fed a una pausa, le prospettive diventano molto più rosee, soprattutto considerando che la stagione dei report è stata finora molto buona.

Il presente documento è stato redatto da Azimut Capital Management SGR S.p.A. sotto la propria esclusiva responsabilità a scopo informativo.
I dati, le informazioni e le opinioni contenuti non costituiscono e, in nessun caso, possono essere interpretati come un’offerta né un invito né una raccomandazione a effettuare investimenti o disinvestimenti né una sollecitazione all’acquisto, alla vendita, alla sottoscrizione di strumenti finanziari né attività di consulenza finanziaria, legale, fiscale o ricerca in materia di investimenti né come invito o a farne qualsiasi altro utilizzo. Nella redazione del presente documento non sono stati presi in considerazione obiettivi personali di investimento, situazioni e bisogni finanziari dei potenziali destinatari del documento stesso.
E’ necessario che l’investitore concluda un’operazione solo dopo averne compreso la natura e il grado di esposizione ai rischi che esso comporta tramite un’attenta lettura della documentazione di offerta alla quale si rimanda. Per valutare le soluzioni più adatte alle proprie esigenze personali, si consiglia di rivolgersi al proprio consulente.
Azimut Capital Management SGR S.p.A. non assume alcuna responsabilità in merito all’effettiva correttezza dei dati, delle informazioni e delle opinioni contenuti nel presente documento, pertanto, nessuna responsabilità può essere imputata ad Azimut Capital Management SGR S.p.A. per omissioni, imprecisioni, errori eventualmente riscontrabili. I dati, le informazioni e le opinioni contenuti nel presente documento possono provenire, in tutto o in parte, da fonti terze ritenute attendibili di cui, si precisa, non è stata effettuata alcuna verifica da parte di Azimut Capital Management SGR S.p.A. e di cui la stessa non assume responsabilità né diretta né indiretta. Azimut Capital Management SGR S.p.A. si riserva il diritto di apportare ogni modifica del contenuto del documento in ogni momento senza preavviso, senza, tuttavia, assumere obblighi o garanzie di aggiornamento e/o rettifica.
I destinatari del presente messaggio si assumono piena ed assoluta responsabilità per l’utilizzo dei dati, le informazioni e le opinioni contenuti nonché per le scelte di investimento eventualmente effettuate sulla base dello stesso in quanto l’eventuale utilizzo come supporto di scelte di operazioni di investimento non è consentito ed è a completo rischio dell'utente.