Una spinta dietro l’altra

FORUM BCE

Lagarde, Bailey e Powell parleranno al Forum BCE. Daranno degli spunti su come reagiranno alla news del vaccino?

12.11

DATI CINESI

Ci si aspetta che la produzioneindustriale e la crescita delle vendite retail anno su anno ritorni ai livelli pre Covid-19.

16.11

CPI DELLA BCE

Ultima lettura dell’inflazione prima dell’incontro di dicembre della BCE.

18.11

US CONDIFEN.

Bloomberg Consumer Confidence è il primo indicatore di sentiment americano registrato dopo le news sulle elezioni e il vaccino.

19.11

L’evento politico più atteso dell’anno è passato. I risultati non sono ancora definitivi a causa del riconteggio dei voti, delle cause legali di Trump e dei ballottaggi in Georgia per due seggi al Senato; ma i risultati sono abbastanza in linea con le aspettative: Biden presidente e i Repubblicani che mantengono il controllo del senato. La «blue wave» dei democratici, che i sondaggisti avevano predetto avrebbe spazzato via le elezioni americane del 2020, non è mai arrivata.

I mercati finanziari hanno reagito positivamente al risultato delle elezioni, interpretate come l’ideale bilanciamento di potere che impedirà ai democratici di implementare a pieno la loro agenda nel senso di limitare una spesa eccessiva, ma anche l’imposizione di forti aumenti sulle imposte sulle reddito, sulle aziende e/o sulle plusvalenze.

È ragionevole aspettarsi che sotto Biden le due parti saranno in grado di arrivare a un compromesso su ulteriori stimoli fiscali per venire in contro agli effetti della pandemia.

L’entità sarà minore del pacchetto multi-miliardario proposto dai democratici, ma comunque abbastanza ampio da supportare i consumatori e le aziende fino a quando la ripresa non saràcompleta.

A livello nazionale, l’amministrazione Biden sposterà il focus sull’implementazione delle tematiche ambientali e quindi le compagnie che operano in questi campo continuerebbero ad essere favorite.

L’altro step significativo della campagna di Biden, la risposta alla pandemia, sarà trattato più avanti alla luce delle notizie su un potenziale vaccino.

A livello internazionale, la fine dell’era Trump porterà ragionevolmente a un atteggiamento meno conflittuale degli Stati Uniti nei confronti degli altri paesi, e questo potrebbe portare in futuro a una rivalutazione dei mercati non statunitensi.

L’unico sviluppo che potrebbe cambiare lo scenario sono i due ballottaggi in Georgia per il Senato che si terranno a Gennaio 2021. Il margine di vittoria dei due candidati repubblicani potrebbe essere di poche migliaia di voti.

Se i risultati preliminari dovessero essere invertiti e se i democratici dovessero vincere entrambi i seggi, il presidente Biden sarebbe in grado di controllare la camera alta 50-50 per gentile concessione di Kamala Harris, il suo vicepresidente, esprimendo un voto decisivo.

Se questo dovesse accadere, i democratici controllerebbero sia la presidenza che il Congresso e sarebbero in grado di implementare a pieno la loro agenda. Nel breve termine i mercati azionari potrebbero reagire positivamente in quanto ci si concentrerebbe probabilmente prima sulla spesa aggiuntiva che potrebbe essere approvata, ma questo potrebbe comportare a tendere un’inflazione più alta, tassi d’interesse più alti e un dollaro più debole.

Le seconda spinta dei mercati finanziari è arrivata dalla notizia di un vaccino molto efficace sviluppato da Pfizer e BioNTech che, secondo i risultati preliminari, potrebbe fermare la diffusione del virus nel 90% dei casi.

Si stima che se il vaccino riceverà l’approvazione di emergenza entro la fine di novembre e 25 milioni di persone potrebbero essere vaccinate entro fine anno e 650 milioni nel 2021.

Questo potrebbe essere un punto di svolta per una ripresa più rapida del previsto dalla pandemia, che sta ancora imperversando in gran parte del mondo.

I più grandi beneficiari del vaccino potrebbero essere i titoli ciclici, che stanno sottoperformando il resto del mercato dall’inizio della pandemia, mentre alcune delle azioni growth, che sono state sostenute dagli investitori e hanno raggiunto livelli di valutazione altissimi, potrebbero essere vulnerabili nel breve termine.

Se confermato, l’America potrebbe sottoperformare nel breve termine a causa dell’importante presenza di titoli tech nell’S&P500.

Al contrario, l’Europa potrebbe essere il paese che trarrebbe maggior vantaggio dalla scoperta di un vaccino, in quanto i settori ciclici sono più rappresentati qui che in altre regioni e anche perché gli indici locali sono stati svenduti recentemente a causa dei lockdown parziali imposti nelle scorse settimane.

Le performance dei mercati emergenti potrebbero trovarsi in una situazione di mezzo, in quanto da un lato beneficerebbero dalle aspettative di un recupero più veloce delle aspettative, ma dall’altro i mercati emergenti, l’Asia in particolare, sono stati meno impattati da questa seconda ondata di contagi e quindi hanno meno margine diripresa.

A conseguenza di quanto sopra, i mercati sono rimbalzati nettamente nella scorsa settimana, grazie anche a un posizionamento cauto con l’approcciarsi delle elezioni.

I due risultati positivi uno dopo l’altro hanno quindi costretto i partecipanti al mercato ad aprire nuove posizioni lunghe o chiudere le loro posizioni corte, portando i mercati a nuovi massimi storici almeno in termini di dollaro americano.

Poiché i mercati azionari erano già scambiati a valutazioni elevate prima delle elezioni, la recente stretta ha diminuito il rialzo lasciato per l’intera asset class ma, come evidenziato sopra, ci sono ancora opportunità.

Per quanto riguarda il fixed income, i recenti sviluppi potrebbero portare a una certa pressione sui tassi a lungo termine, la parte breve delle curve dovrebbe rimanere sui livelli attuali in quanto le banche centrali dovrebbero mantenere le attuali politiche monetarie accomodanti per un periodo prolungato di tempo.

Le strategie in obbligazioni governative e investment grade corporate potrebbero essere le più vulnerabili al ribasso, mentre le obbligazioni ibride, subordinate e dei mercati emergenti potrebbero comportarsi relativamente bene in quanto la riduzione dei rischi si dovrebbe tradurre in spread più bassi.

Il presente documento è stato redatto da Azimut Capital Management SGR S.p.A. sotto la propria esclusiva responsabilità a scopo informativo.
I dati, le informazioni e le opinioni contenuti non costituiscono e, in nessun caso, possono essere interpretati come un’offerta né un invito né una raccomandazione a effettuare investimenti o disinvestimenti né una sollecitazione all’acquisto, alla vendita, alla sottoscrizione di strumenti finanziari né attività di consulenza finanziaria, legale, fiscale o ricerca in materia di investimenti né come invito o a farne qualsiasi altro utilizzo. Nella redazione del presente documento non sono stati presi in considerazione obiettivi personali di investimento, situazioni e bisogni finanziari dei potenziali destinatari del documento stesso.
E’ necessario che l’investitore concluda un’operazione solo dopo averne compreso la natura e il grado di esposizione ai rischi che esso comporta tramite un’attenta lettura della documentazione di offerta alla quale si rimanda. Per valutare le soluzioni più adatte alle proprie esigenze personali, si consiglia di rivolgersi al proprio consulente.
Azimut Capital Management SGR S.p.A. non assume alcuna responsabilità in merito all’effettiva correttezza dei dati, delle informazioni e delle opinioni contenuti nel presente documento, pertanto, nessuna responsabilità può essere imputata ad Azimut Capital Management SGR S.p.A. per omissioni, imprecisioni, errori eventualmente riscontrabili. I dati, le informazioni e le opinioni contenuti nel presente documento possono provenire, in tutto o in parte, da fonti terze ritenute attendibili di cui, si precisa, non è stata effettuata alcuna verifica da parte di Azimut Capital Management SGR S.p.A. e di cui la stessa non assume responsabilità né diretta né indiretta. Azimut Capital Management SGR S.p.A. si riserva il diritto di apportare ogni modifica del contenuto del documento in ogni momento senza preavviso, senza, tuttavia, assumere obblighi o garanzie di aggiornamento e/o rettifica.
I destinatari del presente messaggio si assumono piena ed assoluta responsabilità per l’utilizzo dei dati, le informazioni e le opinioni contenuti nonché per le scelte di investimento eventualmente effettuate sulla base dello stesso in quanto l’eventuale utilizzo come supporto di scelte di operazioni di investimento non è consentito ed è a completo rischio dell'utente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.