Una pausa per riflettere

MEETING BCE

Ci si aspetta che la BCE espanda la sua accomodazione monetaria andando «all-in» sugli strumenti monetari

10.12

INDICE TANKAN

Ilprincipaleindicedel sentiment giapponese ricalcherà larecente forza degli indici azionari locali?

14.12

VENDITE CINESI

Le vendite al dettaglio cinesi dovrebbero continuare il loro percorso di ripresa.

15.12

FED FOMC

Come reagirà la FED alla notizia del vaccino e al recente movimenti negli asset finanziari?

16.12

Dopo un anno molto volatile e un mese eccezionale, ci sono chiari segni di euforia nei mercati. Fermiamoci un attimo a riflettere e analizzare alcuni dei punti presentati a supporto della view bullish, cerchiamo segni di eccesso e, soprattutto, cerchiamo di sviluppare una strategia di posizionamento per il futuro.

Iniziamo con la reazione alla news del vaccino. Sebbene la maggior parte dei mercati abbia accolto positivamente o estremamente positivamente la notizia, le aspettative sugli utili non sono sostanzialmente cambiate in seguito alla notizia. Di seguito, vengono mostrati gli EPS (utili per azioni) prospettici a 2 anni: la linea verde segna il giorno in cui è stato fatto, per la prima volta, l’annuncio della scoperta.

Fonte Bloomberg

Dopo la notizia, gli EPS attesi per i prossimi anni non si sono mossi in modo significativo in nessuno dei principali mercati azionari mondiali (statunitensi, europei o cinesi). Questo perché l’ipotesi di base degli analisti equity per le loro stime era che si sarebbe trovato un vaccino entro la fine del 2020. Questo è il motivo per cui i «forward EPS attesi» sono ancora ben al di sopra dell’attuale livello di EPS. Di conseguenza, la scoperta del vaccino non ha presentato un miglioramento rispetto alle aspettative del mercato. In effetti, è stata solo la conferma del presupposto di base degli analisti azionari.

Pertanto, il recente aumento degli indici azionari globali ha portato a un’ulteriore espansione dei multipli che ha spinto i mercati a essere ancora più costosi di prima. Il movimento ha portato gli indicatori di sentiment a raggiungere livelli estremi, principalmente negli Stati Uniti, come mostrato dai grafici seguenti: l’indice Greed/Fear è al massimo dell’avidità, il rapporto put/call è ai livelli più bassi dal 2000 e lo Short Interest è al livellopiù basso di sempre.

Fonte: Real Investment advice
Fonte: Bloomberg
Fonte: Factset, Goldman Sachs

Gli investitori sono capitolati e si sono precipitati sulle azioni. Gli afflussi in azioni globali sono stati i più elevati dal 2005, la riserva di liquidità media nei fondi comuni di investimento è tornata ai livelli più bassi degli ultimi dieci anni, gli hedge fund hanno riportato le esposizioni nette e lorde ai livelli più alti degli ultimi 5 anni e il totale le allocazioni azionarie negli Stati Uniti hanno raggiunto il 97 ° percentile dal 1990.

Fonte: BofA, EPFR Global
Fonte: BofA, Global Fund Managers Survey
Fonte: FRB, Goldman Sachs
Fonte: Goldman Sachs

Rivolgiamo ora la nostra attenzione ad un altro presupposto secondo cui si ritiene che le valutazioni delle azioni potrebbero comodamente rimanere a livelli più elevati rispetto al passato a causa del livello eccezionalmente basso dei tassi di interesse. Si potrebbe sostenere che la relazione tra valutazioni e tasso dovrebbe essere curva anziché lineare: da un lato, se i tassi sono particolarmente alti, le valutazioni dovrebbero essere basse affinché le azioni offrano rendimenti altrettanto interessanti; d’altro canto, tassi bassi sono solitamente associati a una crescita del PIL debole o negativa, e pertanto le valutazioni azionarie potrebbero rimanere a livelli depressi nonostante i tassi siano bassi.

Se i tassi di interesse nominali sono a livelli eccezionalmente bassi, i tassi reali sono attualmente a livelli che rientrano ampiamente nei range del passato. Guardando i grafici sottostanti, indipendentemente dal fatto che guardiamo ai tassi nominali o reali, attualmente le valutazioni delle azioni (punto rosso) sono al livello più alto mai raggiunto (se escludiamo il periodo 1998-2001).

Un’argomentazione opposta alla situazione attuale è che i tassi bassi sono associati anche a misure monetarie e fiscali eccezionali e non convenzionali che potrebbero consentire valutazioni più elevate nonostante quanto mostratosopra.

I mercati al di fuori degli Stati Uniti mostrano però una realtà diversa. Nei mercati sviluppati, esclusi appunto gli Stati Uniti e i mercati emergenti, vediamo chiaramente che le valutazioni attuali (i punti grandi nel grafico sottostante) non sono disallineate rispetto ai livelli teorici dei tassi.

Lo stesso divario nelle valutazioni si potrebbe apprezzare anche guardando altre metriche che non si basano sugli utili (che sono piuttosto volatili e potrebbero essere fuorvianti soprattutto quest’anno) come il prezzo/valore contabile (P/BV) (blu) e il prezzo/vendite (P/S) (arancione). Il P/BV negli Stati Uniti è più che raddoppiato che in Europa e nei mercati emergenti, mentre il P/S è più alto di circa il 65-80% negli Stati Uniti. Per entrambi i parametri i livelli attuali sono ai massimi storici negli Stati Uniti, mentre per Europa e mercati emergenti non ancora.

In sintesi, il sentiment del mercato è attualmente ottimista e i principali indici sono in condizioni di ipercomprato. Un ritracciamento a breve termine è altamente possibile, se e/o quando si verificherà, dovrebbe essere considerato come un’opportunità di acquisto.

Nonostante le valutazioni complessive, l’Europa e i mercati emergenti scambiano con uno sconto considerevole rispetto agli Stati Uniti. Il divario è tale che sarebbe difficile aspettarsi un ulteriore significativo dilatamento, soprattutto dopo la scoperta del vaccino.

Ciò non significa che dovremmo affrettarci ad acquistare solo azioni dell’UE e dei mercati emergenti, poiché vi sono alcuni fattori (come i riacquisti, che sono di supporto in particolare nei mercati statunitensi) o incertezze (vera efficacia del vaccino) che potrebbero ancora portare a ulteriori outperformance degli Stati Uniti rispetto ad altri mercati. Guardando a più lungo termine, può essere ragionevole aspettarsi che dopo più di dieci anni di sovraperformance degli Stati Uniti, altri mercati possano avere la loro possibilità di essere i prossimi vincitori nel prossimo decennio.

Asset Allocation View

Il presente documento è stato redatto da Azimut Capital Management SGR S.p.A. sotto la propria esclusiva responsabilità a scopo informativo. I dati, le informazioni e le opinioni contenuti non costituiscono e, in nessun caso, possono essere interpretati come un’offerta né un invito né una raccomandazione a effettuare investimenti o disinvestimenti né una sollecitazione all’acquisto, alla vendita, alla sottoscrizione di strumenti finanziari né attività di consulenza finanziaria, legale, fiscale o ricerca in materia di investimenti né come invito o a farne qualsiasi altro utilizzo. Nella redazione del presente documento non sono stati presi in considerazione obiettivi personali di investimento, situazioni e bisogni finanziari dei potenziali destinatari del documento stesso. E’ necessario che l’investitore concluda un’operazione solo dopo averne compreso la natura e il grado di esposizione ai rischi che esso comporta tramite un’attenta lettura della documentazione di offerta alla quale si rimanda. Per valutare le soluzioni più adatte alle proprie esigenze personali, si consiglia di rivolgersi al proprio consulente. Azimut Capital Management SGR S.p.A. non assume alcuna responsabilità in merito all’effettiva correttezza dei dati, delle informazioni e delle opinioni contenuti nel presente documento, pertanto, nessuna responsabilità può essere imputata ad Azimut Capital Management SGR S.p.A. per omissioni, imprecisioni, errori eventualmente riscontrabili. I dati, le informazioni e le opinioni contenuti nel presente documento possono provenire, in tutto o in parte, da fonti terze ritenute attendibili di cui, si precisa, non è stata effettuata alcuna verifica da parte di Azimut Capital Management SGR S.p.A. e di cui la stessa non assume responsabilità né diretta né indiretta. Azimut Capital Management SGR S.p.A. si riserva il diritto di apportare ogni modifica del contenuto del documento in ogni momento senza preavviso, senza, tuttavia, assumere obblighi o garanzie di aggiornamento e/o rettifica. I destinatari del presente messaggio si assumono piena ed assoluta responsabilità per l’utilizzo dei dati, le informazioni e le opinioni contenuti nonché per le scelte di investimento eventualmente effettuate sulla base dello stesso in quanto l’eventuale utilizzo come supporto di scelte di operazioni di investimento non è consentito ed è a completo rischio dell'utente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.